Italiani in viaggio

A giugno il valore dell'indice di propensione al viaggio registrato dall'Osservatorio Confturismo-Istituto Piepoli ha raggiunto il suo massimo storico: l'indice è aumentato dai 61 punti di maggio a 63.

Probabilmente si tratta del frutto del miglioramento della situazione economica: sempre secondo i dati riscontrati, il 34% degli italiani è ottimista riguardo all'uscita dalla recessione (il saldo tra ottimisti e i pessimisti nel 2015 è positivo di ben 19 punti), in crescita rispetto al 31,5% registrato nel mese di maggio.

D'altronde, 3 italiani su 4, in gran parte giovani, vedono la propria scelta di viaggio legata alla condizione economica. E si attende anche l'impatto della crisi greca che potrebbe essere negativo, ma anche positivo per il nostro settore turistico che potrebbe beneficiare della forte incertezza nel Paese ellenico.

Entrando nel dettaglio della rilevazione: oltre 8 italiani su 10 preferiscono viaggiare in Italia, soprattutto verso le località marittime tradizionalmente turistiche (Puglia, Toscana e Sicilia in testa).  In Europa le mete più ambite sono, in ordine di scelta: Spagna, Francia e Grecia (che per il momento conserva la terza posizione). Fuori dall'Europa gli Stati Uniti rimangono la destinazione più segnalata, davanti al Nord Africa che sconta i problemi legati alla sicurezza.

Infine EXPO Milano resta una grande occasione secondo gli italiani: quasi tre su quattro pensano che possa dare una spinta al turismo in Italia.

Fonte articolo: Confcommercio Imprese per l'Italia