EUROPA NEWS DEL 11.01.2018

OPPORTUNITÀ’ FINANZIAMENTI EUROPEI (clicca qui)

 

CONSIGLIO UE

Presidenza bulgara (1º gennaio – 30 gennaio 2018)

L’11 gennaio, cerimonia di apertura della Presidenza semestrale del Consiglio Ue in Bulgaria. Il motto della Presidenza bulgara è “L’Unione fa la forza”. Quattro settori prioritari: 1. La coesione economica e sociale, incentrata sul quadro finanziario pluriannuale dell’Ue, la futura politica di coesione e quella della politica agricola comune, nonché l’approfondimento dell’UEM; 2. La stabilità e la sicurezza in Europa: decisioni congiunte per una maggior sicurezza delle frontiere esterne, una gestione più efficiente della migrazione, gettare le basi di un’Unione della difesa includendo l’attuazione della prima cooperazione strutturata permanente nell’ambito dell’Ue; 3. La prospettiva europea e i Balcani occidentali: l’intenzione della Bulgaria è di approfittare della sua localizzazione per sostenere le riforme dei paesi dei Balcani occidentali in un obiettivo di pace e di stabilità nella regione. In parallelo, la Presidenza si concentrerà sul dare un maggior sostegno geopolitico ed economico ai Balcani occidentali attraverso il miglioramento della loro connessione con l’Ue nei settori delle ferrovie, aereo, digitale, dell’istruzione e dell’energia; 4. L’economia digitale e le competenze per il futuro: focus sul completamente del mercato digitale Ue e lo sviluppo dell’economia e delle capacità digitali. Tale dossier comprende un pacchetto cibersicurezza, una direttiva relativa ai diritti d’autore, il libero flusso dei dati a carattere non personale, un codice delle comunicazioni elettroniche, la protezione della vita privata nelle comunicazioni elettroniche, ecc. (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

 

FUTURO DELL’UE

Conferenza di alto livello sul Quadro Finanziario Pluriennale dell’Ue per il periodo 2021-2028

Lunedì 8 e martedì 9 gennaio si è svolta a Bruxelles la conferenza di alto livello sul Quadro Finanziario Pluriennale dell’Ue per il periodo 2021-2028. L’esecutivo comunitario avvia così il ragionamento sul prossimo bilancio pluriennale post-2020, consapevole che l’uscita del Regno unito porterà miliardi di euro in meno di entrate l’anno. La Commissione avvierà delle consultazioni pubbliche per raccogliere suggerimenti su dove e come reperire nuove risorse. Sicuramente tale divario non sarà colmato con debito né Eurobond. (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

 

Quadro finanziario pluriannuale Ue post-2020: consultazioni pubbliche

A seguito della conferenza di alto livello sul Quadro Finanziario Pluriennale dell’Ue per il periodo 2021-2028, la Commissione europea ha aperto una serie di consultazioni. Le proposte di normative dovrebbero essere pubblicate alla fine del mese di maggio 2018. Le consultazioni, aperte dal 10 gennaio all’8 marzo, riguardano:

Consultazione pubblica sui Fondi dell’UE nel settore della coesione

Consultazione pubblica sui Fondi dell'UE nel settore delle infrastrutture strategiche

I fondi dell’UE nel settore della migrazione

Consultazione pubblica sui Fondi dell’UE nel settore degli investimenti, della ricerca e innovazione, delle PMI e del mercato unico

Fondi dell'UE nel settore della sicurezza

Consultazione pubblica sui Fondi dell’Unione europea nel settore dei valori e della mobilità

(Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

 

UNIONE DEL MERCATO DEI CAPITALI

Entrata in vigore la direttiva MiFID 2: importanti modifiche nel mercato finanziario europeo

Venerdì 5 gennaio è entrata in vigore la Direttiva MIFID 2, considerata una tra le Direttive a maggiore impatto nei confronti degli intermediari finanziari. Secondo le nuove regole, gli investitori riceveranno maggiori informazioni sui prodotti e servizi, mentre gli operatori di mercato saranno soggetti a obblighi di trasparenza più rigorosi applicabili a entrambi prima e dopo la vendita di strumenti finanziari. Le nuove regole prevedono anche la creazione di strutture di negoziazione organizzate (OTF) nonché di nuove categorie di piattaforme di trading. (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Altro in questa categoria: « EUROPA NEWS DEL 14.12.2017